Riverbero

 

 

          E' deserto,

          secco

           e attraverso i miei occhi si dilata.

 

          Sulle facce

               segnate

               di sudore

               e ruvide

          di voi che mi osservate.

 

          Riverbero che sbatte

          contro il bianco

          di questi muri pallidi

 

          dilaniati,

 

          che tagliano lo sguardo.

 

 

          Fuori da questo finestrino

          unica barriera

                  a questo mondo

          unica fermata

                   a questo tempo

          unica malinconia

                   sempre accanto.

 

          Di terre

          nuove agli occhi

          ma vecchie e logore di realtà

 

          tenute giovani da un sentimento

 

          futura cenere.

 

          E sono mani

          sporche

          quelle che scrivono del dolore.

 

          Mani

          che non si possono lavare

                    perché c'è un'acqua viziata.