ODI

ROMANE

di

Paolo Coruzzi

 

 

                     Roma, 2 febbraio 2005

 

          Mi accorgo appena del tuo

                          passare

             eppure la terra si squarcia

               e sottosopra, capovolto

                  sprofondo e divarico sassi.

          Gabbiani.

                 Mistero che s’infanga di

                  cristalli, e quarzo

                          scheggiato si frammenta

          tra spazi scomposti, e lanterne

          fumano di spezie e ricordi

          scoperti; deserti mi ricoprono

          e lentamente, prossima

          alla deriva s’inabissa la mia

          anima, e si schiude la

          memoria e il porpora

          si confonde a un bacio

          vermiglio, incandescente:

          provocazione di pioggia che

          crepa l’asfalto e dalla

          pendenza scivola.

 

 

                    Roma, 2 febbraio 2005

 

          Riemerge dal silenzio

                       scomposto bagliore;

          si aggroviglia,

                            e come seta molle di

                                                   vento,

                      ondeggia,

                                 si flette a tratti.

          Ancora un passo.

          Il tramonto cede il suo

                        azzurro a petali

                                di rosa.

                       Guardo;

                               gli occhi dilatano

                               il castano riflesso.

                       Sguardo;

                               ancora accecato

                               su remote risonanze.

          Abbracciami.

          Ancora i dettagli smarriti

                  delle tue labbra.

          Ricordami.

 

 

                    Roma, 2 febbraio 2005

 

          La gamella non conteneva

                                         più nulla

              solo insalubre vociare

                       e ispido, di denti

                          scavati dalla noia

                                e dal morire

                           lento, costante.

          La lobbia consunta

                   cedeva le larghe tese

                                          al freddo.

                Crisma sulla fronte

                     di un vagito, e gocce;

                l’anziana donna contrita

                    e la croce cadeva

                        dal vertice dimenticato

                   di un’elegia solenne

                        e incompresa.

          Eldorado beffardo paesaggio

            di malinconie riverse

          sul passato del mondo.

 

 

                    Roma, 2 febbraio 2005

 

          Intriso di abbandono

                   il passaggio in volo

                   di stormi composti e

                sospesi.

          Sferzate di mani aggrappate

              a uno specchio di memorie.

          Ti osservo con lacrime di smalto

               seccate su stoffa rappresa,

               con pianto,

                   un sorriso breve,

          e brevi cenni di foglie in

                  bilico sopra l’abisso

                tangibile del nulla.

          Guarda i miei polsi

                  e ascolta il vento curvo delle

                                                  vene.

            La neve spandendo confonde

                  la debole onda che

                           nel freddo diviene

                                   immobile,

                                innocente.

 

 

                    Vaticano, 8 febbraio 2005

 

          L’oscuro pregno della Trasfigurazione

          interroga il silenzio profondo

          della mia anima.

          L’amore fugge alla vita,

          continuamente spaventato, e

          cerca conforto nella solitudine

          del suo abbandono.

          L’amore è paura di morire

          dentro.

 

 

                    Vaticano, 8 febbraio 2005

 

          La donna guardava diritta

          di fronte a sé,

          il vestito scopriva le spalle,

          il cuore immobile,

          stupore,

          oscurità spaccata dal

          tramonto distante,

          fino al cielo,

          luce solenne e accecante,

          il fragore scompare,

          nuvole svaniscono inghiottite.

          Lui sorregge ogni

                              tempo.

 

 

                    Villa Borghese, 10 febbraio 2005

 

          Il marmo chiaro resta

             indifferente al calore

          solare.

             Attraverso la schiena

             il freddo nudo della

             terra; pregna di gelo

             e sostanza.

          Rumore che dal cielo

             scende per mescolarsi

             al calpestio confuso e

                disordinato di vite umane

                 curiose del tempo.

             Cosa cercano gli uomini?

             Cosa vogliono conoscere del

                loro passato?

          Di quali risposte hanno bisogno?

               Una buccia d’arancia

               s’ammolla svuotata dal

               suo frutto.

          L’arancione e la sua ombra.

 

 

                    Villa Borghese, 10 febbraio 2005

 

          Un giorno apri gli occhi

          e il tuo tempo è concluso.

          Un giorno apri le mani

          e ti accorgi che non c’è

          più nulla d’afferrare.

          e t’interroghi,

          piangi,

          ma è troppo tardi;

          è troppo esile il respiro che ti

          resta.

          Così i fiori raccolti ammutoliscono

          nel loro seccare, e i petali,

          fragili nella loro fragranza,

          rappresi, s’inchinano

          imploranti al distante

          palpitare di una corolla

          esausta.

 

 

                    Roma, 10 febbraio 2005

 

          L’opale nobile del giorno

          lasciava cristalli incastonati

          di fluorite violacea cospargere

          il cielo.

          L’ametista sparsa soffice

          sulla sua pelle cangiava

          in quarzo latteo a ogni

          breve sospiro.

          Galena sosteneva il peso del

          mio passo verso il cinabro

          delle sue sottili labbra.

          Il mare come malachite

          disegnava vibrazioni esatte

          e mute.

          Barite i suoi seni mai scaldati

          da luce solare, trasparenza,

          sospesa e immacolata.

          Le membra appoggiate su di una

          superficie di bardiglio chiaro

          mi accolgono e si sgretolano.

 

 

                    Piazza del Popolo, 11 febbraio 2005

 

          La fisarmonica procedeva

            mescolando note alla

            ruvida caduta dell’acqua,

               che smagliata veniva

          rigettata fuori dalle marmoree

              fauci.

           L’attesa e l’ombra,

             parole,

          frasi stonate e frenetiche

             come spilli e aghi

             nascosti.

          Un profumo brusco

            mi raggiunge,

            denso,

          la fisarmonica procede frenetica,

          lo straniero,

            i pensieri stranieri,

            lo scalpitio, immobile, fremito

            di una bandiera stropicciata,

          dimenticata.

 

 

                    Roma, 11 febbraio 2005

 

          Il rosa si specchiava

                 negli occhi grandi,

                   sereni.

          Il cappello di morbido tessuto

              scivolava nascondendo le

                    mani al freddo.

            Le caviglie strette nella pelle;

                        sottili suoni fuggiti a

                        morbide labbra.

               Quale profumo celato sul

                   collo sottile?

               Quale fra i seni morbidi?

             Seguo la fossetta delle sue guance

                     fino al sorriso;

                   il corpo si slancia

                           attraverso il fumo

                         e il sapore di caffè,

                       si allontana,

                    diafana illusione,

                       permane,

                              e rifugge.