ODI

MANTOVANE

di

Paolo

Coruzzi

 

 

                    Mantova, 19 febbraio 2005

 

          Immagino il mare distante

                 e l’onda

              che sulla riva ghiaiosa

            abbandona coriandoli

            e stelle filanti, e maschere,

            e tutto il mondo barcolla.

            Quanta aria fredda

                che non posso schivare;

               ancora il rossetto di

               una cameriera, riversa

                 e scomposta.

               Lei parla, e parla.

            Dura davvero troppo il vento,

            Dura tanto che mi atterra.

          I suoi seni sono ricoperti

                  da conchiglie come calici

                capovolti, incastonati di

                    scaglie sporgenti, e ferito

            lascio navigare l’ultimo

            sogno, distante

                  irriverente.

 

 

                    Mantova, 19 febbraio 2005

 

          Ecco una foglia,

            ancora una foglia, rannicchiata.

          Sotto il peso delle ombre

            crepuscolari.

          L’elegante signora si accorge

             appena del molle foulard

               che le scivola lontano,

             via dal collo, segnato dal

          tempo e da tutte le labbra

          di uomini; di vino e tabacco.

          Tutte le labbra lavate via.

          L’Ungheria è distante; disordinata

             sui suoi biondi capelli, e

             fragrante.

          L’Ungheria è un grigio spoglio,

            maestoso  e periferico.

          L’elegante signora vive e

            tutta la vita le appartiene

            e tutta la su vita non muore;

          appena, ingiallisce.

 

 

                    Mantova, 19 febbraio 2005

 

          Le tende diritte, immobili,

            trafitte da un sole incerto

            mi separano dai suoi occhi verdi.

          Oltre il vetro la distanza,

             incolmabile,

            inesauribile,

           incerta.

          La pioggia m’illude e finge, e

            non lascia che arsura sul

              fondo di questa melodia

               lunga, grave.

          A ogni nota il sangue,

              a ogni nota il sudore,

             a ogni lacrima langue,

            a ogni lacrima muore,

               mesta e soave

             la più bella perla d’amore

              e scompare

                nel fondo immenso

                          del mare.

 

 

                    Mantova, 20 febbraio 2005

 

          Le prime note si libravano

            tra le colonne, e i palchi muti,

            e timide s’interrompevano,

            distratte dal vociare lagnoso

            e fiacco degli invisibili artigiani

              dimenticati.

          Poi la musica riprendeva,

             sospesa,

            e il silenzio che nutre l’anima

           e il torpore, il fremito incerto.

          L’attesa,

              il buio della sala

             l’incertezza e poi

                  stupore

               e sempre più rapide scale

                   discendono.

          Sfumature e rosso

                  e poi la voce

                 la malinconia

              e…

             ogni nota…addio.

 

 

                    Mantova, 20 febbraio 2005

 

          Dall’alto potevo osservare

              i loro pensieri,

          dall’alto potevo seguire

              i loro gesti.

          Come è piccolo l’uomo,

             come è precario.

          Ogni azione è l’inizio della

            sua dimenticanza,

            ma si deve vivere,

              per forza e a volte per piacere,

              il più delle volte distratti

            e troppo presto pentiti di non

            aver prestato attenzione a

            quel breve attimo fugace

            chiamato vita.

          L’anima della gente è dimentica,

             è solitudine che si

                 perseguita trangugiando

               veleno,

          è selciato e piedi scalzi.

 

 

                       Mantova, 20 febbraio 2005

 

          Puoi fare finta di non ascoltare

            la mia disperazione?

          Puoi fare a meno di guardare

            i miei gesti imprecisi?

          Puoi amarmi per una vita intera?

          Puoi?

          Puoi consolare e colmare il vuoto

            che mi precede?

          Ti cerco disordinatamente in

              ogni amore di passaggio,

                 e osservo la pioggia cadere,

                 e per un attimo arrestarsi,

                 e per una fitta del cuore

                                       piegarsi,

          di sotto al cupo buio dei pianeti,

          di sotto al gesto incerto della

            mia mano nell’atto

                         di raccoglierla,

                        nasconderla,

                      proteggerla.

 

 

                 Mantova, 20 febbraio 2005

 

          - Quanto vale il tuo amore?

          - Un solo minuto d’imbarazzo:

          - Perché dici questo?

          - Perché mi hai appena raggiunto

            e già ho timore di perderti.

          - Ma ancora non sai nulla di me!

          - Amo quello che posso sognare della

            tua immagine.

            Amare ogni imprevedibile

            cromatismo del tuo trascorrere,

            senza tempo, nella maestosità

            delle tempeste e degli inverni.

          - Mi resterai accanto?

          - No.

          - E il mio amore?

          - Soffrirà e io non potrò guarirlo…

          - Perché non mi guardi negli occhi?

          - Perché infrangerei la speranza

           di amarti per sempre.

 

 

                    Mantova, 20 febbraio 2005

 

          S’imprimono le lacrime sui

              sepolcri lucidi di vetro

              e petali.

          I campi, gelidi di brina

            affaticano il taglio

            dell’anziano curvo sul

            triste epilogo di una vita

              di sassi da evitare,

              di gelo da scongiurare,

              di sole da guardare con

                                       sospetto,

              di neve e stagioni,

                  tutte uguali, l’una all’altra.

          E le tombe, svuotate

               dall’argine sconfitto,

               vagano dirette alla foce,

             e poi giù nel profondo del

             mare, nel buio del mare.

          L’anziano non aveva lacrime

          L’anziano non conosceva il mare.

 

 

                    Mantova, 20 febbraio 2005

 

          Il gin rullava all’insù,

              e digerito precipitava,

             cazzo come precipitava e…

            no, signori, me che ne

            sapete voi delle donnacce?

          E giù il gin, giù,

                    basculante in bilico

                tra la dannazione e un

                   filtro ingiallito

          piegato i due come una

          bella mulatta spossata e…

             gin;

               guarda i miei fianchi,

               guarda bambina,

               guarda dannazione,

                 che il mio tempo si è

          stancato della mia pazzia!

           Gin e…Cin!

             Alla tua salute

                      e alla mia.

 

 

                    Mantova, 20 febbraio 2005

 

          Sono cresciuta

              e porto ancora un bracciale

          porto ancora il desiderio

                di andare via.

          Quel paese dove…

               la vita si mostra.

                   Di andare via

                e conservare il peso di

              quell’ornamento argentato

                  tanto caro.

              Come appaiono distanti 

                   le montagne      

                     e la loro vertigine.

          Mi trema il petto,

                ma il vento è troppo ripido,

              m’insegue ogni gemma di

               sale e cristalli; nuda,

                scivolo e…posso sentire

             le vene gonfiarsi e il polso

             gela, e ti amo…

                 ti amo esitando.

 

 

                    Mantova, 20 febbraio 2005

 

          Ma alla fine di tutto

              c’è una gioia

                  immensa,

             l’applauso del pubblico

            e i tasti picchiati con

            veemenza sul pianoforte

            e tu,

             che comunque sia andata

             hai camminato a lungo

             verso la luminosa

               vetta mai raggiunta

             eppure mai tradita

               né dimenticata,

            ma sempre ambita,

              cercata e desiderata.

          Nel petto c’è un gran frastuono

            e mille e poi mille

              scenari di luce.

          Ti saluto amico mio

            e vengo ad abbracciarti.

 

 

 

                                                   Ogni Ode è nata grazie alla meravigliosa musica

                                                                            di Stefano Gueresi, mantovano.